23:55 martedì 18.06.2024
BATR-CAEX 22-1 dell’AVES
Conclusa l’esercitazione collettiva dell’Aviazione dell’Esercito, evento addestrativo complesso e pluriarma
fotografie di: Stato Maggiore Esercito

09-06-2022 - Con la condotta del Main Training Event, alla presenza del comandante del Comando delle Forze Operative Terrestri e Comando Operativo Esercito (COMFOTER COE), si è conclusa l’esercitazione collettiva Balteus Travolo (BATR) e Complex Aviation Exercise (CAEX) 22-1, svolta nelle aree addestrative del Friuli Venezia-Giulia dal 23 maggio al 1° giugno 2022.
L’esercitazione BATR-CAEX è un evento addestrativo complesso e pluriarma, pianificato, organizzato e condotto dal Comando Aviazione dell’Esercito e assegnato alla Brigata Aeromobile “Friuli” quale culmine del peculiare, continuo e progressivo addestramento delle unità dell’AVES alle operazioni aeromobili e aeromeccanizzate.
Questa edizione è stata caratterizzata da una “storica unicità” poiché è stata la prima a essere condotta dopo la recente riorganizzazione dell’Aviazione dell’Esercito che, il 25 febbraio scorso ha acquisito alle proprie dirette dipendenze la Brigata Aeromobile: per la prima volta tutti gli assetti dell’AVES hanno quindi operato nell’ambito di un unico vertice, il COMFOTER-COE, “per garantire la manovra terreste nella e dalla terza dimensione”. Per la “Friuli” l’evento rappresenta anche il raggiungimento della Initial Operational Capability (IOC) come Grande Unità da combattimento pluriarma riconfigurata in unica Brigata Operativa dell’AVES, costituente la Combat Aviation Brigade delle Forze Operative Terrestri dell’Esercito Italiano.
L’esercitazione, strutturata in modo da permettere alle unità partecipanti di addestrarsi in maniera realistica e integrata, ha visto impiegati sulla base di Casarsa della Delizia circa 700 militari. Nello specifico, sotto la guida del Comando Aviazione dell’Esercito, come blue forces hanno partecipato: il Comando della Brigata Aeromobile “Friuli”; il 5° Reggimento AVES “Rigel”; il 7° Reggimento AVES “Vega”; il 66° Reggimento fanteria aeromobile “Trieste”; il Reparto Comando e Supporti Tattici “Friuli”; il 1° Reggimento AVES “Antares”; il 4° Reggimento AVES “Altair”; il 185° Reggimento ricognizione e acquisizione obiettivi e il 41° Reggimento IMINT “Cordenons” e il 132° reggimento artiglieria terrestre “Ariete”. Il ruolo delle forze nemiche (Opposing Forces - OPFOR) è stato invece ricoperto da una componente di fanteria del 66° Reggimento aeromobile, da un plotone di cavalleria esplorante del reggimento “Lanceri di Novara” (5°) e da un plotone corazzato del 32° Reggimento carri, nonché da assetti del 121° Reggimento artiglieria controaerei “Ravenna” e del 17° Reggimento artiglieria controaerei “Sforzesca” dotati di missili a cortissimo raggio “Stinger”.
Lo scenario operativo elaborato per la BATR-CAEX 22-1 ha comportato azioni di combattimento tra forze convenzionali paritetiche. Gli assetti esercitati hanno dimostrato il loro livello di preparazione e di integrazione, in un crescendo di difficoltà e complessità nelle numerose attività di volo e assalto aeromobile, diurne e notturne, che hanno portato infine allo svolgimento di una impegnativa attività tattica terrestre, dove sono stati eseguiti tutti i compiti propri della Combat Aviation Brigade.
La Task Force esercitata, ha impiegato un totale di 22 aeromobili tra AH-129D, UH-90A, CH-47F e UH-205 più un Unmanned Aerial System (UAS) per svolgere attività di: inserzione di acquisitori obiettivi, infiltrazione di esploratori aeromobili e team specialistici quali gli assetti per l’intelligence e la sorveglianza del campo di battaglia (dotati di droni Raven) e il Fire Support Team; attività di SEAD (Suppression of Enemy Air Defense); infiltrazione e schieramento di mortai pesanti al gancio baricentrico - capacità recentemente acquisita su UH-90.
Nell’ambito di un’articolata operazione aeromobile è stato condotto un air assault, azione che sintetizza l’alto livello di integrazione tra Unità di fanteria aeromobile ed elicotteri. Tale azione rispecchia il grandissimo vantaggio operativo in termini di rapidità, concentrazione di combat power e sorpresa che può essere fornito alla manovra terrestre. Nell’esecuzione della manovra, la Brigata Aeromobile è in grado di utilizzare tutte le proprie risorse per realizzare la “massa” sfruttando la rapidità e l’intensità delle azioni. In aggiunta sono state consolidate tanto le capacità di sostegno alla manovra attraverso l’attivazione di un FARP (Forward Arming and Refuelling Point), dispositivo che estende l’autonomia e il braccio operativo degli assetti ad ala rotante, quanto quelle specialistiche come il Personnel Recovery, che consente il recupero di personale rimasto isolato sul terreno in ambiente ostile; attività che sono state condotte simulando un ambiente contaminato da agenti chimici, contestualizzando l’addestramento in un contesto ancora più sfidante.
Concluso il Main Training Event il comandante del COMFOTER COE con il comandante dell’Aviazione dell’Esercito e il comandante della Brigata Friuli davanti a tutto il personale, ha espresso “grande soddisfazione per la complessità, la precisione e l’alta professionalità dimostrate dalla Specialità Azzurra in questo evento unico, che testimonia e dimostra la capacità operativa, qualitativa e quantitativa, delle Forze Operative Terrestri dell’Esercito Italiano”.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

Nat (North America Tour) 24 al via con la PAN
Gli MB-339PAN delle Frecce Tricolori sono arrivati in Quebec, prima tappa del...
G7: dalle stelle … alle sentine
Evento attesissimo, dai multiformi aspetti, dei quali il generale Carmelo Burgio...
Marina Militare celebra la propria Giornata
Cerimonia in commemorazione dell’impresa di Premuda del 10 giugno 1918
Arma dei Carabinieri al suo 210* anno dalla costituzione
Una cerimonia all'insegna della professionalità e dedizione in Patria e nelle...
Philippe Leroy, cieli blu
L’ultimo saluto al grande attore franco-italiano a Roma, avvolto dal paracadute...
Parata del 2 Giugno a Roma ‘’Festa della repubblica’’
Pioggia battente sul pubblico numeroso che applaudiva il passaggio delle forze...
Diciamo addio a Philippe Leroy
‘’In Afghanistan con Philippe Leroy’’, tratto dal libro “Exit Tragedy....
''Olimpiadi dell’aria'', un sogno realizzabile
E' stato il tema del convegno organizzato martedì 28 maggio presso la Sala Capitolare...
‘’African Lion 2024’’
L’Italian Joint Force Headquarters partecipa alla grande esercitazione a guida...
’'Non mi unisco alle critiche circa l’opportunità di aver portato in Parlamento Europeo una pluripregiudicata’’ dichiara il generale Carmelo Burgio
Doppio appuntamento istituzionale a Firenze per la sottosegretaria alla Difesa Isabella Rauti
Considerazione del generale Morabito sul vertice di Bürgenstock ove i Capi di Stato e di Governo partecipanti non sono riusciti a trovare un accordo
Comprensibili, ma vani, i toni amareggiati di molti editorialisti di grido… ne parla il generale Carmelo Burgio
Era presidente di Fincantieri dal 2022; trovato nel suo appartamento a letto forse suicida...
il GSPD (gruppo sportivo paralimpico della Difesa) ha attraversato a nuoto lo stretto di Messina
''1.000 giorni senza scuola equivalgono a 3 miliardi di ore di apprendimento perse''
Vannacci resta un soldato e un incursore paracadutista, afferma il generale Carmelo Burgio in questo articolo