11:44 martedì 18.06.2024
‘’Donne, pace e sicurezza’’
Conferenza voluta dalla sottosegretaria alla Difesa Rauti in occasione della Giornata internazionale delle donne
fotografie di: Cybernaua

07-03-2023 - Interessante convegno al COVI (Comando operativo di Vertice Interforze) dedicato alla risoluzione Onu “Donne, pace e sicurezza”, organizzato in vista della giornata internazionale delle donne, su proposta della sottosegretaria alla Difesa Isabella Rauti che, nel proprio intervento di introduzione alla conferenza, ha ringraziato il generale Figliuolo, comandante del COVI, per aver predisposto la sede del COVI ad ospitare l’evento. Al tavolo dei relatori era anche il Capo di Stato maggiore della Difesa ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone che ha speso parole di stima e apprezzamento nei confronti delle donne, ormai numerose, che fanno parte delle forze Armate.
“Donne in uniforme, elemento di successo nelle missioni internazionali”, il tema trattato da Rauti sull’impegno della Difesa italiana per l’agenda “Donne, pace e sicurezza”, che ha preso la parola dopo il video messaggio augurale del ministro della Difesa, Guido Crosetto.
“Il convegno di oggi ha come focus l’impegno, nei teatri operativi, delle nostre donne in uniforme che si dedicano a progetti di cooperazione civile e militare a supporto della popolazione, in particolare quella femminile”, ha spiegato Rauti, “più in generale possiamo parlare di protagonismo femminile nei contesti internazionali perché le donne partecipano attivamente al processo di costruzione della pace e della stabilità. Forse perché sono proprio le donne le vittime principali dei conflitti, spesso anche vittime di stupro diventato purtroppo un’arma di guerra”.
“Inoltre, il protagonismo femminile”, ha dichiarato Rauti, “rientra a pieno titolo nel perimetro della risoluzione Onu 1352 del 2000 che sottolinea come le donne siano protagoniste dei negoziati e dei percorsi di pace e, si impegnino nella ricostruzione post conflitto in quella forma di resilienza e di ritorno alla normalità che è soprattutto delle donne”.
“Nella cornice della risoluzione 1352 rientra anche l’adozione della cosiddetta prospettiva di genere, un punto di vista a presidio di ogni scelta e decisione”, ha ancora affermato la sottosegretaria, “perché la loro ricaduta non è mai neutra ma è diversa sul genere maschile e femminile”.
Ha poi sottolineato il ruolo delle donne nelle Forze armate ricordando la svolta storica con la legge 380 del 1999 che ha consentito l’arruolamento delle donne nell’anno 2000.
“Dal 2000 ad oggi la componente femminile in uniforme si è rafforzata e sin dall’inizio è stata ammessa a tutte le categorie e ruoli. Il percorso normativo di parità all’interno del dicastero della Difesa è compiuto mentre gli aspetti dedicati all’integrazione richiedono tempi più lunghi ed il superamento di aspetti e criticità logistiche od operative”.
//www.cybernaua.it/video/video.php?idvideo=261
Al convegno è anche intervenuta da remoto la rappresentante speciale del segretario generale della Nato, dott.ssa Irene Fellin.
In collegamento dai teatri operativi, sono intervenuti i contingenti militari italiani in Somalia, Libano, Durazzo, Kuwait, Kosovo, Iraq, Gibuti e nave Bergamini.
Quasi al termine della conferenza, l’ammiraglio Cavo Dragone si è allontanato dal tavolo per ritornare quasi subito dando la terribile notizia della grave collisione tra due aerei addestratori avvenuta nel cielo di Guidonia, in cui hanno perso la vita il tenente colonnello Giuseppe Cipriano e il maggiore Marco Meneghello, in servizio al 60° Stormo dell’Aeronautica Militare.
Al termine del convegno, nel punto stampa in cui la sottosegretaria Rauti ha rilasciato alcune dichiarazioni, rispondendo alla domanda della giornalista Silvia Mari dell’Agenzia Dire, se esista un diverso modo di 'comandare delle donne soldato’, ha risposto: "No, non lo penso; l’attitudine al comando si guadagna e si raggiunge con l'obbedienza, la gerarchia è garantita dai gradi non dal genere"; ed ha puntualizzato, ribadendo che è questo a tutelare anche da discriminazioni. Al termine del convegno, dopo la notizia dell'incidente aereo di due velivoli dell'Aeronautica
Militare sui cieli di Guidonia, è stato annullato il brindisi previsto e la sottosegretaria ha lasciato il Covi.
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

Nat (North America Tour) 24 al via con la PAN
Gli MB-339PAN delle Frecce Tricolori sono arrivati in Quebec, prima tappa del...
G7: dalle stelle … alle sentine
Evento attesissimo, dai multiformi aspetti, dei quali il generale Carmelo Burgio...
Marina Militare celebra la propria Giornata
Cerimonia in commemorazione dell’impresa di Premuda del 10 giugno 1918
Arma dei Carabinieri al suo 210* anno dalla costituzione
Una cerimonia all'insegna della professionalità e dedizione in Patria e nelle...
Philippe Leroy, cieli blu
L’ultimo saluto al grande attore franco-italiano a Roma, avvolto dal paracadute...
Parata del 2 Giugno a Roma ‘’Festa della repubblica’’
Pioggia battente sul pubblico numeroso che applaudiva il passaggio delle forze...
Diciamo addio a Philippe Leroy
‘’In Afghanistan con Philippe Leroy’’, tratto dal libro “Exit Tragedy....
''Olimpiadi dell’aria'', un sogno realizzabile
E' stato il tema del convegno organizzato martedì 28 maggio presso la Sala Capitolare...
‘’African Lion 2024’’
L’Italian Joint Force Headquarters partecipa alla grande esercitazione a guida...
’'Non mi unisco alle critiche circa l’opportunità di aver portato in Parlamento Europeo una pluripregiudicata’’ dichiara il generale Carmelo Burgio
Doppio appuntamento istituzionale a Firenze per la sottosegretaria alla Difesa Isabella Rauti
Considerazione del generale Morabito sul vertice di Bürgenstock ove i Capi di Stato e di Governo partecipanti non sono riusciti a trovare un accordo
Comprensibili, ma vani, i toni amareggiati di molti editorialisti di grido… ne parla il generale Carmelo Burgio
Era presidente di Fincantieri dal 2022; trovato nel suo appartamento a letto forse suicida...
il GSPD (gruppo sportivo paralimpico della Difesa) ha attraversato a nuoto lo stretto di Messina
''1.000 giorni senza scuola equivalgono a 3 miliardi di ore di apprendimento perse''
Vannacci resta un soldato e un incursore paracadutista, afferma il generale Carmelo Burgio in questo articolo