10:40 martedì 18.06.2024
‘’Volpe Bianca’’ e ‘’Campionati Italiani di sci paralimpico’’
Truppe alpine e atleti dell’Esercito italiano protagonisti in Alto Adige e Dolomiti alla presenza della sottosegretaria alla Difesa Isabella Rauti
fotografie di: Esercito

19-03-2023 - Volpe bianca
Capacità di operare per lungo tempo in condizioni climatiche estreme con eserciti alleati e partner
Si è conclusa, nel bellunese, l’esercitazione ‘Arctic Endeavour’, organizzata dal Comando delle Truppe Alpine dell’Esercito per verificare le capacità delle unità ad operare in alta montagna, in un ambiente invernale fortemente compartimentato e caratterizzato da condizioni meteorologiche estreme, assimilabili a quelle artiche. 

Alla ‘Arctic Endeavour’, iniziata lo scorso 6 marzo nella zona di Padola-Valgrande e inserita tra i quattro eventi della esercitazione internazionale ‘Volpe Bianca 2023’, ha assistito la sottosegretaria di Stato alla Difesa, Isabella Rauti.
Insieme a lei, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di Corpo d'Armata Pietro Serino, il comandante del Comando Operativo di Vertice Interforze, generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, e numerose autorità civili e militari.
Protagonisti principali della ‘Arctic Endeavour’ sono stati gli alpini della Brigata Taurinense, i quali hanno simulato in modo realistico un complesso scenario di combattimento con forze contrapposte, nel quale sono stati impiegati moderni sistemi d’arma e di trasporto, oltre ad elicotteri dell’Aviazione dell’Esercito e a velivoli dell’Aeronautica Militare.

Sempre nell’ambito della ‘Volpe Bianca 2023’ la Brigata Alpina Julia ha svolto sulle Alpi bellunesi la ‘Winter Resolve’, esercitazione mirata a verificare il livello addestrativo raggiunto nella condotta di operazioni di movimento e combattimento in quota, secondo le tecniche del mountain warfare. La ‘Winter Resolve’, terminata il 17 marzo, ha visto anche la condotta di esercitazioni a fuoco. 
Rauti, ha dichiarato: “Questa attività militare internazionale è rispondente alle nuove esigenze operative delle Forze Armate, con un approccio specifico al combattimento in montagna: in un ambiente estremo, in condizioni proibitive e in un contesto interforze. Le Truppe alpine dell’Esercito rappresentano una risorsa preziosa per il Comparto difesa e sicurezza e sono un Corpo di eccellenza su cui investire”.
Serino, parlando al personale addestrato, ha evidenziato che: “Quello che abbiamo appena visto dimostra che addestrarci sul territorio nazionale si può e si può fare nel rispetto dell’ambiente”; ha poi sottolineato la straordinaria valenza degli alpini nei ranghi dell’Esercito evidenziando che “la gente di queste valli considera gli ‘alpini i suoi soldati’ e noi vorremmo essere considerati i soldati d’Italia, quali siamo, in tutte le Regioni del nostro Paese”.


Nei giorni precedenti, si erano concluse in Alto Adige le altre due fasi della ‘Volpe Bianca’, organizzate dal Centro Addestramento Alpino di Aosta: la prima, denominata ‘Ice Patrol’, ha visto tutti i reggimenti delle Truppe Alpine confrontarsi in un’attività di pattuglia durata tre giorni e due notti, svoltasi dall’8 al 10 marzo in Alta Val Badia lungo un itinerario di circa 20 chilometri e quasi mille metri di sviluppo verticale, con l’obiettivo di testare le capacità di combattimento in montagna possedute da ciascuna squadra, attraverso prove di movimento, tiro, topografia, ricerca travolti da valanga e trasporto di un ferito. La seconda, la ‘Ice Challenge’, ha proposto il 14 marzo una prova di biathlon declinato in chiave militare disputata da rappresentanti di tutti i reggimenti alpini, unendo sci-alpinismo e tiro con l’arma in dotazione, lungo un percorso di 8 chilometri con un dislivello di 500 m sulle nevi tra Brunico e San Candido.


La ‘Volpe Bianca 2023’ si è sviluppata all’insegna di tre parole chiave: verticalità, ovvero l’abilità di dominare la quota; articità, la capacità di operare per lungo tempo in condizioni climatiche estreme, e internazionalità, ovvero l’interoperabilità con eserciti alleati e partner.
Alle quattro fasi dell’esercitazione hanno partecipato complessivamente 1.500 alpini, appartenenti alle Brigate “Julia” e “Taurinense” e al Centro Addestramento Alpino, insieme ad una compagnia della Brigata Marina “San Marco” della Marina Militare e a unità della 173^ Airborne Brigade statunitense e della 27^ Brigade d’Infanterie de Montagne francese. Le attività di addestramento si sono avvalse della collaborazione di personale della Croce Rossa Italiana e del Sovrano Militare Ordine di Malta.
Numerosi gli eventi collaterali della Volpe Bianca 2023, con esibizioni delle Fanfare delle Brigate Alpine Julia e Taurinense nelle località interessate dall’esercitazione, e una suggestiva fiaccolata tricolore su sci la sera del 14 sulla pista Baranci a San Candido. 

Il comandante delle Truppe Alpine dell’Esercito, generale di Corpo d’Armata Ignazio Gamba, in fase di pianificazione dell'esercitazione, ha evidenziato che: “…in Volpe Bianca, si intende perseguire uno specifico approccio al combattimento in montagna e aree caratterizzate da climi rigidi, il così detto Mountain Warfare, che mira a saper sfruttare al meglio e trasformare in un proprio vantaggio le difficoltà oggettive tipiche dei terreni montani ed artici. Approccio oggi ampiamente condiviso. Le Truppe Alpine, sulla base delle loro peculiari, tradizionali e testate capacità di combattimento in montagna, costituiscono oggi una risorsa su cui investire per sviluppare uno strumento sempre più rispondente alle condizioni imposte dagli odierni e futuri scenari geostrategici.”
’Campionati Italiani di sci paralimpico’
Nella giornata successiva, 18 Marzo scorso, Rauti ha incontrato, a Cortina d'Ampezzo, gli atleti del Gruppo sportivo paralimpico della Difesa (GSPD). impegnati nei Campionati Italiani di sci paralimpico. Sulle piste di sci delle 5 Torri gli atleti affrontano lo Slalom gigante mentre sui campi dell’Armentarola si svolgono le gare di sci di fondo.
“Questi ragazzi straordinari sono campioni non solo nello sport ma anche nella vita; esempio di forza, tenacia, coraggio, voglia di affrontare le sfide e vincere. Non hanno mai mollato di fronte alle difficoltà e, giorno dopo giorno, abbattano ogni barriera, materiale e culturale”, ha detto il sottosegretario Rauti che ha la delegata per la promozione e il coordinamento delle attività sportive militari e per le politiche per la disabilità.
“La realtà del Gruppo sportivo paralimpico della Difesa”, ha evidenziato Rauti, “è unica nel suo genere nell’ambito della pubblica Amministrazione e rappresenta un modello virtuoso di inclusione sociale e lavorativa che può essere replicato”
Grandi successi e ottimi piazzamenti per gli atleti del Gruppo sportivo paralimpico della Difesa (GSPD) ai campionati italiani sia nello slalom gigante che nello sci di fondo. Tanta soddisfazione per il mondo della Difesa e ulteriore conferma del valore di chi è abituato a superare ogni ostacolo.
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

Nat (North America Tour) 24 al via con la PAN
Gli MB-339PAN delle Frecce Tricolori sono arrivati in Quebec, prima tappa del...
G7: dalle stelle … alle sentine
Evento attesissimo, dai multiformi aspetti, dei quali il generale Carmelo Burgio...
Marina Militare celebra la propria Giornata
Cerimonia in commemorazione dell’impresa di Premuda del 10 giugno 1918
Arma dei Carabinieri al suo 210* anno dalla costituzione
Una cerimonia all'insegna della professionalità e dedizione in Patria e nelle...
Philippe Leroy, cieli blu
L’ultimo saluto al grande attore franco-italiano a Roma, avvolto dal paracadute...
Parata del 2 Giugno a Roma ‘’Festa della repubblica’’
Pioggia battente sul pubblico numeroso che applaudiva il passaggio delle forze...
Diciamo addio a Philippe Leroy
‘’In Afghanistan con Philippe Leroy’’, tratto dal libro “Exit Tragedy....
''Olimpiadi dell’aria'', un sogno realizzabile
E' stato il tema del convegno organizzato martedì 28 maggio presso la Sala Capitolare...
‘’African Lion 2024’’
L’Italian Joint Force Headquarters partecipa alla grande esercitazione a guida...
Considerazione del generale Morabito sul vertice di Bürgenstock ove i Capi di Stato e di Governo partecipanti non sono riusciti a trovare un accordo
Comprensibili, ma vani, i toni amareggiati di molti editorialisti di grido… ne parla il generale Carmelo Burgio
Era presidente di Fincantieri dal 2022; trovato nel suo appartamento a letto forse suicida...
il GSPD (gruppo sportivo paralimpico della Difesa) ha attraversato a nuoto lo stretto di Messina
''1.000 giorni senza scuola equivalgono a 3 miliardi di ore di apprendimento perse''
Vannacci resta un soldato e un incursore paracadutista, afferma il generale Carmelo Burgio in questo articolo
Il generale Carmelo Burgio commenta il tafferuglio scoppiato nell’aula di Montecitorio il 12 giugno scorso
Saranno presentate all’Eurosatory 2024, per rispondere alle necessità delle Forze Armate in ambiente strategico mutevole