20:50 venerdì 07.08.2020
Blue Storm 2020 con i Granatieri di Sardegna
Esercitazione in Libano, missione UNIFIL, per la verifica dell’efficacia delle procedure per il supporto di fuoco dei mezzi blindati 
fotografie di: Igor Piani Unifil

01-07-2020 - Nel poligono di Naqoura nel sud del Libano si è svolta pochi giorni fa “Blue Storm 2020” un’esercitazione a fuoco multinazionale.
Pianificata e condotta dai caschi blu della Brigata meccanizzata “Granatieri di Sardegna” che attualmente compongono la Joint Task Force Lebanon - Sector West l’esercitazione ha coinvolto tutte le unità del Settore Ovest: ItalBatt (Italia), GhanBatt (Ghana), MalBatt (Malesia), RoKBatt (Repubblica di Corea), oltre ad assetti della Sector Mobile Reserve e della 5^ Brigata delle Lebanese Armed Forces (LAF).
Per assolvere al mandato discendente dalla UNSC 1701 la preparazione e la capacità di intervento sono fondamentali, il lavorare giorno dopo giorno in coordinamento con le LAF permette una maggiore conoscenza reciproca che si tramuta una sempre maggiore integrazione nel lavoro sul campo”, così commenta la giornata il generale Diego Filippo Fulco comandante del Sector West e del contingente nazionale di UNIFIL
Scopo dell’esercitazione, verificare l’efficacia delle procedure per il supporto di fuoco dei mezzi blindati e migliorare il coordinamento e la cooperazione tra le pedine operative che quotidianamente sono impegnate sotto le insegne UN.
VTLM (Veicolo Tattico Leggero Multiruolo) “Lince” con sistema HITROLE (Highly Integrated Turret Remotely Operated Light Electrical) equipaggiato con lanciagranate da 40mm e blindo “Centauro” con cannone da 105mm, assieme gli APC (Armoured Personnel Carrier) malesi, ghanesi e coreani e ai carri M48 Patton dell’esercito libanese i protagonisti dell’esercitazione.
I mezzi pesanti rappresentano una componente fondamentale delle forze dispiegate a sud del Litani; la possibilità di disporre di questi assetti garantisce infatti la deterrenza, elemento prezioso per l’implementazione della UNSCR (United Nation Security Council Resolution) 1701.
Mantenere la stabilità, la pace e la sicurezza dell’area è un pilastro del mandato di UNIFIL. Per raggiungere questo fine è importante che i paesi contribuenti, ben 44 di cui 14 alle dipendenze della Task Force a guida italiana, siano preparati e in grado di operare in maniera integrata.
350 uomini, 30 blindati, oltre 5000 munizioni di vario calibro, sono i numeri della la “Blue Storm” che, visitata dal generale Stefano Del Col, comandante della missione e dal generale Edgar Lawandos, comandante della 5^ Brigata dispiegata a nord della Blue Line, ha rappresentato un importante momento addestrativo per aumentare l’interoperabilità, ovvero la capacità di lavorare assieme con procedure tecnico-tattiche.
Un modo di lavorare congiunto tra UNIFIL e le LAF che risulta un accrescimento professionale per i peacekeeper di UNIFIL in linea con quanto sancito dalle risoluzioni delle UN che sin dal 1978 portarono al dispiegamento di una forza militare multinazionale nell’area.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

Afghanistan: inaugurato il monumento ‘’Ariete’’ al TAAC-WEST
Le Brigate che si avvicendano nell’operazione “Resolute Support” a conclusione...
Giornata del Laureato 2020 a Torino
Gli Ufficiali del 197° Corso ''Tenacia'' del Comando per la Formazione e Scuola...
Nave Alliance rientra a Tromsø conclusa la campagna High North20
Conclusa la prima di tre campagne di ricerca in Artico del programma triennale...
Gare di volo in aliante
Nell’Aviosuperficie Avio Alfina in Castel Viscardo (TR) il trofeo di volo artistico...
Brigata ''Sassari'' dà il cambio ai ''Granatieri di Sardegna'' in Libano
Giunge a conclusione il mandato continuativo più lungo per un contingente italiano...
''Firephobia'', come affrontare le sommosse in Kosovo
Addestramento dei militari della forza NATO in missione KFOR per mantenere la...
Nuovi giovani piloti
Conclusa la seconda edizione di ''Progetto volo'', iniziativa dell'Aero Club di...
Cippo in memoria dei peacekeeper italiani caduti in Libano
L'Italia è impegnata nel mantenimento della pace in Libano sin dal 1979 nella...
Nel porto di Taranto ammara un idrovolante
Dopo un secolo, il mare pugliese rivede attività aerea/marittima; inizio di...
Tre navi della Marina Militare pronte ad operare insieme alla protezione Civile
Due C 130 J dell’Aeronautica Militare condurranno Vigili del fuoco e personale esperto di minacce CBRN
Nell’incontro con il Presidente Serraj Guerini ha detto: ’’Pronti a lavorare fin da subito a nuovo slancio della cooperazione’’
Insieme al presidente del consiglio presidenziale e premier del governo di accordo nazionale della Libia anche i membri del consiglio presidenziale
Militants based in Khurmato have occupied our village and its residents have been forcibly evicted
Esplose oltre 2.700 tonnellate di nitrato di ammonio. Il ministro della difesa Lorenzo Guerini in contatto telefonico con contingente italiano in Libano 
Accordo tra istituzioni per la razionalizzazione del patrimonio immobiliare in uso al Dicastero
Una considerazione del generale Giuseppe Morabito, membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation